Antipasti/ Autunno/ Contorni e insalate/ Halloween/ Inverno/ Natale/ Ricette al forno/ Senza latte e derivati/ Senza uova

Verdure invernali pastellate alla birra

1 Dicembre 2020

Le Verdure invernali pastellate alla birra sono deliziose come contorno oppure per l’aperitivo. Senza latte e senza uova.

Qui è “notte” già da almeno 2 ore, casa sembra un campo di battaglia e io se potessi vivrei perennemente avvolta dalle coperte. Non serve che ve lo ricordi, ma… È dicembre, gente.

E io, da brava procrastinatrice seriale, sono orribilmente indietro con TUTTO! C’è però da dire che la mia lentezza è anche parte di una scelta consapevole: il Natale arriverà anche qui, ma con una calma e grazia di cui cercherò di rendervi partecipi.

Con dicembre anche l’orto d’inverno è al suo massimo splendore e non credo esista nulla di più goloso di una pastella per trasformare broccoli, finocchi, cavolfiori, carciofi, zucca o foglie di salvia in delizie da paura come contorno o per l’aperitivo delle feste oppure per l’aperitivo in casa e basta, perché è stata una giornata dura e ce lo meritiamo!


Polpette di riso integrale con semi di girasole e curry

Le Polpette di riso integrale con semi di girasole e curry sono un secondo pratico, ottimo da preparare in anticipo per una cena veloce.


Questa ricetta fa per te perché

  • Sfiziosa e leggera
  • Non richiede frittura in padella
  • Permette di inserire più verdure nella propria alimentazione
  • Senza uova e latticini
  • Adatta a vegetariani e vegani

Verdure invernali pastellate alla birra

Non ci siamo...Così cosìBuonoBuonissimoNe voglio ancora! Vota questa ricetta
Loading...
Antipasti, Contorni Cucina vegetariana
Di Stefania Porzioni: 2
Preparazione: 30 minuti + 1 ora di riposo della pastella Cottura: 15 minuti

Le Verdure invernali pastellate alla birra sono deliziose come contorno oppure per l'aperitivo. Senza latte e senza uova.

Ingredienti

  • 140 g di farina tipo 1
  • 60 g di semola di grano duro rimacinata
  • 220 ml di birra chiara
  • ½ cucchiaino di aglio in polvere
  • 2 cucchiai di olio extravergine di oliva + altro per la teglia
  • sale e pepe
  • Verdure di stagione a scelta tra: cavolfiore, broccolo, carote, finocchi, cuori di carciofo,
  • zucca, foglie di salvia, cipolla, pastinaca, patate dolci...

Procedimento

1

Prepara la pastella miscelando in una ciotola capiente le farine, l'aglio in polvere, il sale e il pepe. Aggiungi l'olio e mescolalo agli ingredienti secchi quindi unisci poco per volta la birra, mescolando con una frusta per non formare grumi. Copri la pastella con pellicola e fai riposare in frigorifero per almeno 1 ora.

2

Nel frattempo lava le verdure. Taglia a piccole cimette il broccolo e il cavolfiore, a bastoncini le carote, la pastinaca e le patate dolci, a spicchi sottili i carciofi e i finocchi, a fettine la zucca, ad anelli la cipolla.

3

Una volta pronta la pastella, intingi le verdure e le foglie di salvia poche per volta e disponile su una teglia rivestita di carta forno precedentemente bagnata e strizzata e in seguito unta con poco olio extravergine di oliva. Irrora la superficie con poco olio di oliva e cuoci le foglie di salvia in forno preriscaldato a 230°C per 5 minuti, per 15 minuti le altre verdure.

Verdure invernali pastellate alla birra
Il consiglio in più

La pastella alla birra che ti ho proposto in questa ricetta è deliziosa anche per preparare bastoncini di tofu oppure le più classiche verdure estive come melanzane, peperoni e zucchine.


Se ti sono piaciute le Verdure invernali pastellate alla birra, prova anche


VUOI FARMI UNA DOMANDA O LASCIARMI UN COMMENTO?
Scrivimi qua sotto oppure in privato!
Se preferisci, puoi contattarmi sui social ai link che ti ho lasciato
qui.

IMPORTANTE:
Se hai provato questa ricetta, scatta una foto e condividila su Instagram. Ricorda di farmelo sapere usando il tag @casadellecoccinelle. Sarò ben felice di condividerla nelle mie storie!

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Ti potrebbero interessare anche

Commenta per primo!

Lascia un Commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.