Pain perdu cotto al forno

6 Dicembre 2018

Pain perdu cotto al forno

0 Comments  /  Vai alla ricetta

Condividi

Ricorda che non ottenere quel che si vuole può essere talvolta un meraviglioso colpo di fortuna.

Dalai Lama

All’inizio doveva essere una bellissima storia a base di scorze di arancia, spezie e cachi… Possibilmente alta, sofficissima e con un bel buco al centro! Poi però succede che le cose non funzionino come al solito e ti ritrovi con un tortino striminzito e cotto male. Lo guardi, lo rigiri, ne tagli una fetta e ti rendi conto che per quanto brutto, in realtà è buonissimo! Di sprecarlo non se ne parla e quindi giunge il momento di reinventarlo.

Ho dunque rispolverato la mia pastella senza latte e uova per il clafoutis e l’ho riadattata in modo da ottenere una consistenza meno densa, perfetta per il Pain perdu.

Il Pain perdu, che letteralmente vuol dire “pane perso“, nasce per recuperare il pan brioche raffermo ed è dai più conosciuto nella versione anglosassone con il nome di “French toast“. In ogni caso la sostanza non cambia: si tratta di una fetta di pane inzuppata in una golosa pastella e poi fritta nel burro. Quel che meno si conosce è che questo espediente funziona molto bene anche per riciclare le torte riuscite male, quelle avanzate e con il pandoro!

Questa versione è più leggera perché cotta al forno e molto più comoda, ma la stessa pastella può essere usata per la preparazione tradizionale. In ogni caso resta sempre una delle colazioni più golose di tutto il mondo, molto interessante anche come dessert al cucchiaio.

Anche nelle occasioni perse spesso si nascondono grandi opportunità a patto che si faccia il piccolo sforzo di uscire dagli schemi. E così, la mia tortina riuscita male una volta tagliata a fette è diventata un dolce di quelli che ti fa uscire dal cuore uno splendido “che buono!“.

Pain perdu cotto al forno

6 Dicembre 2018
: 8
: 10 min
: 35 min
: 45 min
: Facilissima

Il pain perdu nasce per riciclare il pane raffermo, ma la ricetta funziona anche con le torte riuscite male o con gli avanzi di pandoro. Questa versione cotta al forno è più leggera e molto veloce da preparare.

Di:

Ingredienti
  • 7 fettine di torta oppure 3 fette di pandoro oppure 6 fette di pane raffermo
  • 100 g di purea di mela, io in genere uso quella nelle vaschette
  • 1 cucchiaio di amido di mais
  • 3 cucchiaini di yogurt di soia
  • 100 ml di panna vegetale
  • 100 ml della bevanda vegetale che preferisci
  • 1 cucchiaino di curcuma
  • 1 cucchiaio di zucchero di canna
  • Poco olio di semi o burro di cocco per ungere lo stampo
Preparazione
  • Step 1 Dopo averla oliata, disponi le fette di torta o pane o pandoro in una pirofila.
  • Step 2 In una ciotola versa la purea di mele, lo yogurt di soia, la panna vegetale, l’amido e la curcuma. Mescola tutto quanto con la frusta in modo che non si formino grumi, quindi aggiungi poco per volta la bevanda vegetale sempre mescolando.
  • Step 3 Versa la pastella sopra alle fette in modo che siano tutte immerse in modo omogeneo. Attendi qualche istante che assorbano bene il composto, quindi cospargi la superficie con lo zucchero di canna.
  • Step 4 Cuoci il Pain perdu in forno a 200°C per 35 – 40 minuti e lascialo intiepidire prima di servirlo.

Calorie: 80,42 kcal; grassi: 4,12 g; carboidrati: 10,11 g; proteine: 1,36 g
Scopri i valori nutrizionali completi per questa ricetta su Oreegano!


Condividi

Post correlati



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.