Mese: Agosto 2018

I muffins con avena e carote di Lory

I muffins con avena e carote di Lory

I muffins con avena e carote di Lory sono dolci e golosi, ma anche senza sensi di colpa! Senza latte, uova e zucchero, conquisteranno tutti.

Focaccia ai pomodorini senza lievito

Focaccia ai pomodorini senza lievito

La Focaccia ai pomodorini senza lievito si prepara in pochi minuti. Perfetta per gli intolleranti, ma anche per un aperitivo al volo.

Come sterilizzare i vasi di vetro e le conserve

Come sterilizzare i vasi di vetro e le conserve

La prima parola d’ordine per ottenere conserve buone e sicure è la pulizia, sia delle nostre mani che dell’ambiente circostante. Vi lascio alcune regole per sterilizzare vasi di vetro e conserve, facili da seguire ed importantissime.

1. Controlla i vasi ed i tappi prima di iniziare

E’ fondamentale controllare che i contenitori in vetro, ed in modo particolare i bordi, siano perfettamente integri. Allo stesso modo dovremo controllare i tappi: se in buone condizioni possono essere riutilizzati dopo averli sterilizzati. Se sono bucati, rotti, deformati, molto sporchi o semplicemente vecchi è importantissimo sostituirli.

2. Sterilizza i contenitori

A questo punto occorre sanificare contenitori e tappi. Per questa operazione sarà necessario un lavaggio preliminare molto accurato in lavastoviglie ad alta temperatura o con acqua calda e sapone. In seguito si dovranno sistemare i vasi in una pentola rivestita con un telo di cotone ed immergerli completamente con acqua, si dovrà portare la pentola sul fuoco e si dovranno calcolare 30 minuti a partire dall’ebollizione. A 10 minuti dal termine della sterilizzazione dovranno essere inseriti nella pentola anche i tappi. Una volta che l’acqua si sarà intiepidita, potremo estrarre i contenitori ed i tappi e lasciarli asciugare alla perfezione.

3. Sterilizza le tue conserve dopo averle sistemate nei vasi

Una volta preparata la conserva e messa nei contenitori, dovremo pastorizzarla e creare il vuoto. Queste operazioni garantiranno la perfetta conservazione per un lungo tempo ed eviteranno la formazione di muffe o l’insorgenza di contaminazioni batteriche nocive. Come per la sterilizzazione, basterà procurarsi una pentola capiente e rivestire il fondo con un telo di cotone pulito. I vasetti dovranno quindi essere sistemati in piedi ed avvolti con altri teli in modo che non si spostino e non sbattano tra di loro. Dovremo quindi coprire tutto completamente con l’acqua e portare la pentola sul fuoco, calcolando sempre 30 minuti a partire dall’ebollizione. Passati i 30 minuti potremo spegnere il fuoco ed estrarre i nostri vasetti quando l’acqua si sarà raffreddata.

4. Controlla che la sterilizzazione sia andata a buon fine

Premendo al centro del tappo, controlliamo che la formazione del vuoto sia avvenuta. Questa operazione è semplice grazie ai tappi dotati di capsula di sicurezza, poiché basterà premere al centro del tappo e controllare che non vi sia alcun rumore. Se dovessimo sentire il classico “click – clack“, significa che il vuoto non si è formato e dovremo ripetere nuovamente l’operazione di sterilizzazione, possibilmente sostituendo il tappo.

Sul sito del Ministero della Salute sono riportate in modo chiaro e semplice tutte le linee guida per una corretta preparazione delle conserve fatte in casa e per i più attenti un manuale ultra completo scaricabile gratis.

Vi consiglio caldamente di dare un’occhiata! 😉